L’angelo del mare

angelo del mare 
finestra del vento
ti sento cantare
la luce delle dita
sulla mia pelle
improvviso calore sdraiato
mi sciolgo al brivido
col sale che sfiora la schiena
e tutto trema
bellezza frastuono
che chiudo gli occhi
e spero in un altro tuo tocco