Le strane prime volte


Negli anni intorno al 1994 frequentavo l’oratorio. Mi piaceva giocare con i bambini. Mi piaceva farli giocare. Tra i vari bambini mi ricordo molto bene di Jack. Mi stava simpatico e qualche volta l’ho coinvolto nelle faccende di cui ci occupavamo noi del gruppo dei più grandi.
Dopo qualche tempo ho smesso di frequentare quell’ambiente e non ho mai più rivisto Jack.
Avevo vent’anni. Ora ne ho trentacinque. Sono passati quindici anni.
Jack è ricomparso all’improvviso. Ogni tanto mi è capitato di ricordarmi di Jack in questi quindici anni. La sua faccia mi è sempre apparsa uguale. Il bambino Jack. Ma adesso Jack è diventato un uomo e la sua immagine che ho conservato per tutti questi anni non esiste più. Il bambino Jack, non esiste più. E’ sparito nel nulla.
E’ una strana prima volta questa che mi è capitata. Quando si pensa di avere raggiunto l’età in cui sono finite le sorprese, ci si accorge invece che le sorprese ci sono ancora ma stanno cambiando genere.