Tag: Comunicazione

  • Io sono il figlio della foca! Non voglio che mia madre pianga!

    Io sono il figlio della foca! Non voglio che mia madre pianga!

    La gente non è stupida. La gente è mediamente media. Medio non è negativo. La persona mediamente intelligente è una persona sufficientemente intelligente. In media, la gente ha bisogno di stimoli per riflettere. Trovo che Adriano Celentano abbia colto nel segno durante la trasmissione Fantastico 8. Io sono il figlio della foca! Non voglio che…

  • Le parole della politica

    Le parole della politica

    Le parole sono importanti. A volte si usano termini impropri senza rendersene conto. Altre volte, invece, si usano termini ricercati appositamente per creare un certo effetto. Clicca l’immagine C’è un aggettivo che ormai viene utilizzato con grande vantaggio da politici, giornalisti, banchieri, economisti e avvocati. E’ un aggettivo che consente a questi “uomini” di non…

  • Lo spazio bianco

    Lo spazio bianco

    I nostri politici, che ogni volta andiamo a votare credendo che sia giusto scegliere tra i meno peggio, non ci parlano del futuro. Nessun politico ci parla del futuro. Eppure parlare del futuro significa fare politica. Perché la politica non ci parla del futuro? Perché è vecchia. Perché non fa politica, ma affari. Sarà ancora…

  • Annozero – Primo Maggio 2008

    Annozero – Primo Maggio 2008

    Ecco uno dei personaggi della “politica” italiana. Ad Annozero Sgarbi mostra tutto il suo talento. Marco Travaglio mostra un notevole autocontrollo. Santoro porta pazienza. Sgarbi è ridicolo. Buon divertimento. Prima parte Seconda parte Terza parte

  • La percezione della realtà

    La percezione della realtà

    I mezzi di informazione hanno allontanato la gente dalla realtà. La realtà è diventato tutto quello che ci raccontano i telegiornali e le trasmissioni di “approfondimento”. Non esistono più i chilometri quadrati che circondano la nostra casa, esiste il mondo intero con migliaia di intrecci politici ed economici che stanno decidendo le sorti del nostro…

  • Pubblicità al consumo

    Pubblicità al consumo

    Oggi vi confesso una mia debolezza. Sono un appassionato di film e musica del passato, di quei film e di quelle canzoni che rappresentano un periodo storico molto particolare. A volte provo invidia per le persone che hanno avuto modo di vivere nel periodo in cui nasceva la speranza. Grandi tragedie e sofferenze alle spalle.…

  • La plastica

    La plastica

    I pregi della plastica. La plastica è incredibile perché ha un gran numero di qualità che la rendono unica. Impermeabile, resistente, pulita. Con la plastica si può trasportare il cibo e l’acqua potabile in condizioni igieniche molto buone. La plastica costa poco e la usiamo tutti per le cose più diverse. Con la plastica si…

  • Il Tibet

    Il Tibet

    Nella nostra società, quando si pensa che una cosa non sia giusta, è difficile trovare un appoggio alla propria idea, perché c’è sempre il sospetto che quanto si sente dire dai giornali e dalla televisione sia legato ad un interesse economico anziché ad un interesse di verità. Le vicende della Cina e del Tibet di…

  • L’economia

    L’economia

    E’ l’economia che sta decidendo le sorti dei nostri figli. I genitori che oggi crescono un figlio non sanno cosa gli riserverà il futuro. I genitori di questi genitori lo sapevano, sapevano che sarebbero stati più fortunati di loro… Quantomeno ne avevano la speranza. Oggi invece sembra che questa speranza non ci sia e che,…

  • Io non vivo. Consumo!

    Io non vivo. Consumo!

    “Per consumo si intende qualsiasi attività di fruizione di beni e servizi da parte di individui, di imprese o della pubblica amministrazione che ne implichi il possesso o la distruzione materiale o la distruzione figurata (nel caso dei servizi)”. Questa è la definizione del termine consumo secondo Wikipedia. Sempre più spesso si sente utilizzare dai…

  • Le abitudini

    Le abitudini

    Cambiare le proprie abitudini non è facile, perché fanno parte della nostra vita. Cambiare alcune abitudini può perciò diventare interessante, perché il cambiamento viene percepito come una rivoluzione. Mi ricordo molto bene la prima volta in cui ho ripensato seriamente ad una mia abitudine che era sbagliata. Forse lo fanno in molti. Mi lavavo i…

  • Canali di emergenza

    Canali di emergenza

    Non mi fido dei media, perché non mi dicono come stanno davvero le cose. La televisione, i giornali, le radio, sono ormai un prodotto omologato che serve per mantenere la società in un costante stato di ipnosi. La gente che abita e lavora intorno alle grandi città è costretta tutti i giorni, per due volte…